Martedì 19 Settembre, San Gennaro Martire

Come perdere la tramontana tra bora e grecale

Era la festa di San Gennaro,

quanta folla per la via…

Me ne tornavo sul far della notte

in bus verso casa mia.

Al capolinea vien su il conducente

e compaiono al nostro cospetto

tre giovanette dell’europeo Oriente

ben messe, gradevoli e di bell’aspetto.

Lui le guarda, le squadra e sorride;

loro, con cadenza che un poco stride,

non chiedon che di comprare il biglietto

per poi buttarsi – a dormire- in un letto.

Si rammarica l’omino, ché or non ne ha

e sulla bocca rifulge il riso suddetto

con dentro il tono un tono d’affetto.

Za-za-za-zá

Za-zá

Za-zá.

Nel momento culminante

dell’azione travolgente,

‘mmiezz’a tutta chella gente,

il conducente se ne va

(e io e gli altri tutti là

fissi come baccalà).

Za-za-za-zá

Za-zá

Za-zá.

Però, don’t worry, che tornerà presto

con tre biglietti lucenti in mano

pòrti con fare da gran Solimano,

vasto sorriso e gesto ampio e lesto.

Tutte liete in tra gli eventi,

le tre ragazze, da donne solventi,

mostrano una banconota da euro venti.

Lui non ha resto e cambio non v’è

(i miei compagni di viaggio,

tutti infastiditi, guardano

e riguardano l’orologio

e sono affatto indisposti

a metter mano al portafogli

anche per la paura

ca trase quacchedun’

e so’ piglia).

Sto pensando di offrire io il passaggio alle tre

con clemenza sovrana da assoluto re.

(E poi sarebbe ora di partire, finalmente!)

Ma, nel momento culminante

dell’azione travolgente,

‘mmiezz’ ‘a tutta chella gente,

il conducente sai che fa?

Spinge le orientali sulla corriera

con gentilezza che pare sincera

e dice una cosa come questa qua:

Jamm’, jamm’, saglite, saglite.

Site state furtunate ca oggi e’ festa

e ‘o monaco se veste, ‘o sang’ s’e’ squagliat’

e je lass’ ‘a una e piglia ‘a n’ata!”

Su siffatte parole alfine si parte,

prima che si inneschi

da Palermo ad Aosta

un coro scomposto

di vibrante protesta

contro le tre orientali

che ora ridono e ridono

sulle barriere che si recidono.

T’amerò,

t’amerò,

t’amerò,

pure a lei glielo dirò

che t’amerò:

T’amerò, Zazá!

T’amerò, Zazá!

T’amerò, Zazá!

—-

Non so voi, ma ho riso pur’io,

e per certo avrei riso eziandio

(e anche vieppiù) se fossero state racchie

e malmesse come laide cornacchie

(o se perfino si fosse trattato

d’un maschio abbronzato

o di una banda di neri

tali da deviarti i pensieri

sul complotto terrorista

di marca, o di pista, islamista).

E sai che gioia, e che gloria,

se quello non fosse stato

neanche il giorno della

liquefazione rituale

del sangue sangennarico,

ma ci si sentisse ugualmente

tutti con tutti più buoni,

senza tra i piedi

più santi e santoni?

Senza più lazzari,

e senza padroni;

senza più picari

e senza predoni.

Senza più rischi

e fatali emozioni.

Senza più fischi

e male intenzioni.

Senza più fiaschi

e sfuggenti perdoni.

Zazá, Zazá,

za-za-za-zá…

che t’amerò ll’aggia cunta’…

e tutt’o tiempo aggia sfuga’…

Zazá, Zazá,

za-za-za-zá…

Zazá, Zazá,

za-za-za-zá…

comm’aggi’a fá pe’ la truvá?!

Je senza fe’, nun pòzzo stá!

– …Che? Che? Senza che…?

Senza che… tu nun può sta?

– Ma fatte ‘e fatte tuoje!

e jammece a cucca’

Za-za-za-zá, Za-zá Za-zá!

Za-za-za-zá Za-zá Za-zá!

Zazá, Zazá, Za-zá Za-zá!

Za-zá Za-zá!

Za-zá!

Zá!

Zá!