a mare d’inverno (pazza idea)

Tu vuoi bei vestiti
da mettere e levare
accanto a un camino
che illumini il tuo amore
E vuoi una nuova casa
su cui volino i gabbiani
lontano dai caimani
lontano dagli umani
Tu vuoi una barca a mare
e poi, poi vuoi il mare
con spiagge, ombrelloni
sole sale luna e amore
Lo vuoi e punti i piedi
non ti smuovi
e ti siedi
aspettando
che presto
anche questo
s’avveri
al cospetto
degli occhi tuoi
sinceri
a dispetto
di ciò
ch’io sono
e tu eri
Io sbavo
striscio
e arranco
pensando,
(all’ombra
dei tuoi piedi)
che se tutte queste cose,
non escludendo il mare,
io ti potessi dare,
allor potrei restare
vicino a te a remare
Ma io non lo so dire
quello che posso dare
finché non mi ci metto
e lo comincio a fare,
perciò per cui la quale
mi sento di salpare
tra le onde del mare
mare mare,
qui non viene mai nessuno
a farci compagnia
Alberghi chiusi,
manifesti sbiaditi
e un vento
che agita anche me
Meglio che torniamo a casa
se no questa giornata
non so come va a finire
e tu continui a parlare
parlare e parlare
di sogni a tre camere da letto
doppio bagno e cucina
E poi a me anche questa spiaggia
sembra sempre più buia desolata
e piccina piccina piccì
Peccato, però,
perché io
t’avrei
dato
tutto,
tutto,
e anche
il sole
il sale
la luna
e il mare
pur di poterti amare
come tanto tempo fa
E tu lì a ridere di me
della mia gelosia
che non passa più,
ormai non passa più

Annunci