Gaza, Gas, Crisi.

Che fare, che fare,

che farete voi stasera?

Resterete in casa

a guardare la tivvù

o ci si affaccia

a intrecciare

quattro chiacchiere

su Facebook?

Che fare, che fare,

che si fa stasera?

Ci si siede in poltrona

a sentire il tempo

fluire nei cucù

o si mette in scena

un nuovo look

per vedere

l’effetto che fa

e sentirci eroici

e perfetti

almeno

per un minuto?

Che fare, che fare,

che si fa stasera?

¿Qué tal se si scende in strada

tutti belli e agghindati

a fare una ronda

e ci si riscalda

al fuoco di uno straniero;

anche se poi va a finire

che nel quartiere

puzza un po’

e ai bambini

ci viene

la tosse?

Ahi, ahi,

große Krisis.

Mondo Marcio,

ma per me

va Tutto Bene

e non sento

le mie pene

mentre gioco

al Fantacalcio.

Crisi Grande,

Mondo Marcio,

ma se butto

un po’ di blu nel pene

e un altro grammo

nelle vene

nulla m’è più

di intralcio.

Grande Crisi,

ma io marcio

nel marcio

e apro un varco,

uno squarcio

in cui lanciarmi dentro

come se niente fosse

o fosse stato.

E va bene così

nel mio migliore

dei mondi possibili.