Muito Romântico

trentatreesimo frammento

(l’una rossa, l’altra non so)

eccola qua,

un’altra notte insonne

a contare le nuvole addensate

sulle cose che sono ormai passate

nelle cosce delle trascorse donne

eccolo qua, l’allocco che non dorme

pensando a te che te ne andasti via

ma resti dentro com’una mania

grande, scura, inconsueta, enorme,

fuor d’ogni norma e calcata orma

che si conformi

alla normata forma

eccolo qua,

il povero gaetano,

ieri preso da foga,

oggi arreso alla fuga

e appeso a una figa

che se ne frega

se lui annega,

oppure annaspa,

tirandosi una sega

sotto una spada o una daga

mentre tutto intorno dilaga

e rompe gli argini la diga

dei sentimenti suoi

che vorrebbe

ancora

come prima

intrecciati ai tuoi.

ecchele qua,

ebbi’ loco,

ebbi’ llanne,

pecché

tu ‘o saje

ca tira cchiu

nu pilo

‘e pucchiacca

ca na pariglia

e vuoje;

ma chiste

mo’ so fatte mie

e nun so cazze tuoje.

ecco qua,

me so’ sfugato,

pure si sto alluccanno

cu na mano int’a sacca

o bavero aizzato

e ‘na funa ‘nganna.