Sfoglia sfoglia margarita, pe’ sapé si ‘sta vita
tene senso oppure no. Ma forse no.

Oh, no, no no, no no!

Quando la notte scende
dentro la botte cresce
trabocca e poi pende
vino che fuoriesce,
esce, mesce e m’esce.

Verso l’ultima ora,
verso della malora!,
verso un sorso ancora
verso quella pulzella
che il core mi accora;

Per lei bella più bella,
mora che m’innammora,
bevo a garganella
da dentro la mia cella,
sotto una buona stella
ca’ m’arrecreja ‘a pella.

La stella sempre quella
che vidi in una stalla
seduto sulla sella
d’una bella cavalla
di tanto tempo fa
(allisce ‘stu babà),

ma questo già si sa
(so’ propio baccalà)
e di più non dirò
pure perché non so
se sì è sì o no
o no,
no no,
no
no
.

 

 

Annunci