Muito Romântico
trentasettesimo frammento

 

‘Na cosa facile facile

pe’ te e pe’ tutte quanteMo’ era Pasca

e vene già Natale n’ata vota

e gira gira rota

e passa ‘o tiempo e ‘a moda

ma tu nun passe, tu,

pecché tu si l’ammore

ca pure quanno chiove

asciutta ‘e panne ‘o sole

pe’ me purtà calore

‘ncoppa ‘a ‘sta terra scura

mmiezz’a ’stu munno ‘nfame

c’aiza mane e mure,

te leva ‘a vocca‘o pane

e te tratta ca manco ‘e cane

sule pe’ pute’ parià.

E mentre Peppe o Ciro

s’aggira e s’arravota,

torna Pasca

e vene Natale n’ata vota,

e gira gira rota

va truvà mo’ chi è state

c’a cugliuto bbuono ‘o tiro

chiullu fatto è niro niro

niro niro comm’a ‘tte.

E crisceme ‘stu bebé,

crisce ‘stu bammeniello

che è bello, bello, bello,

comm’o figlio da maronna

ca more e nasce a juorno

senza paura o scuorno.

E accumencia n’ata vota

‘stu taluorno.