Considerazioni dell’autore as A Young Neapolitan Cock

appollaiato in cima a un cumulo di rifiuti

sul calare della notte

Me sento comm’a nu vallo

‘ncoppa ‘a munnezza

tutto cuntento fino a cche aiza

‘a capa ‘a coppa ‘a rezza

e guarda ‘ncielo,

po’, ‘mmiezzo addurmuto,

avascia l’uocchie

pecché le prorene ‘e denocchie,

e vede tanta suzzimma attuorno

ca le vene voglia

‘e se ‘mbruscenà pe’ terra

e chiagnere, chiagnere

e chiagnere ancora

‘mmiezzo ‘a ‘stu pantano

brutto, ‘nzevato e senz’ammore

ca  s’ a l l a r g a   a  ogni    m u m e n t o

e s’aregne ‘e cazzimme,

‘a coppa, ‘a sotta,

‘ncielo, ‘nterra,

‘a dinto, ‘a fora

e in ogni luogo,

comme dice

‘ncopp’a altare

chillu percuoco

vestuto niro niro,

cchiu niro

‘e ‘sta nuttata

senza luna,

senza speranza

e

senza ‘e te
c’ammallisciave ‘stu bebé

e me facive scurda’

tutta ‘sta schifezza

e ‘sta cazza ‘e rezza

ca me tene ‘nchiuso prigiuniero

‘ncoppa ‘a ‘na muntagna ‘e lota
int’a ‘na notte scura,

afosa, ‘nfosa e fetacchiosa

addo’ me pare perzo tutte cose

e pure ‘a vita,

ch’era l’urdema posa
ca m’era rummasa.

(Mannaggia ‘a miseria

ca me tene ‘mpiso

e ‘a morte ca nun m’acciso

ancora!)