Tag

,

Con tra le braccia il tuo corpicino
Pieno di promesse di futuro
Placo la mia ira e il mio dolore
E lenisco il peso e i pesi della vita

Sono in solluchero quando
Mi tendi le mani sulla faccia
E mi inondi di limpidi sorrisi
Che scaccian via gli spettri della crisi

Resto per un po’ senza parole
Convinto che vada tutto bene
E non ci sian notti senza sole
O pene che non abbiano mai fine

 

Ma basta poi che mi graffì coi tuoi artigli
Perch’io ricada negli affanni e nei grovigli
E non creda più in tube incantate e bianconigli
O in notti che sfocino in docili e placidi consigli

 

Putesse essere allero cu mia figlia mbraccio
che me tocca ‘a faccia e nun me’ fa vedè.

E dimme quaccheccosa, nun me lascia’ accussì…
stasera sto sballato che voglia ‘e partì
cu’ ddoje parole ‘mmocca e tanta semplicità
putesse essere allero.

 

Annunci