Libero, no, non lo non sono mai stato.
Stretto legato a corde e legacci
all’istesse mie mani facenti capo,
come alle scarpe i miei propri lacci
o al candelabro i suoi sette bracci.

Annunci