Tag

, , ,

Quanti abiti firmati Armani e Valentino;
Quante automobili e camion made in Torino;
Quanti prosciutti, quante forme di parmigiano;
Quante borse di Prada oriunde di Milano;
Quante sigarette, quanti vini e liquori;
Quante barche a vela, mirra, argenti e ori.

Quant’i motociclette s’hanna accattate ‘e muschilli
Pe ffa ‘i scippe senza casco, co’ viento int’e capille;
Quanti frigorifere ‘e quante lavatrice ‘e quatte sorde
E quant’ata rrobba ‘e merda ca mo nun me arrircode.
Quanta munnezza ca c’avite mannate da ‘stu nord
Primma ca se seccava a zezzenella e se spezzava ‘a corde.

E mo’ che v’accattate pure vuje tutto da Cina,
Ve vulite spartere? Ma jate ‘a ffa quatte bucchine!


(Versione italiana delle due strofe finali)

Quante motociclette hanno comprato i “muschilli”*
Per fare scippi senza casco, col vento tra i capelli;
Quanti frigoriferi e quante lavatrici da quattro soldi
E tant’altra roba di merda che ora non ricordo;
Quanta immondizia ci avete mandato su dal nord,
Prima che si rinsecchiva la mammella e si spezzava la corda.

E ora che comprate anche voi ogni cosa dalla Cina,
Vi volete separare? Ma andate a fare quattro pompini!


* I “muschilli” (letteralmente moscerini) sono ragazzini reclutati dalla malavita organizzata per consegnare droga ai tossicodipendenti. Il termine ha avuto una diffusione nazionale a partire dal 1985, dopo che ne scrisse Giancarlo Siani nel suo ultimo articolo pubblicato sul Mattino il giorno prima che fosse assassinato dalla camorra giusto 30 anni fa.
Questo post è dedicato alla sua memoria e a quella di tanti muschilli morti sul campo.