– A no’, sei andata già a votare?
– No… Ma è vero che si se vota sì, se perdono dudecemila poste ‘e fatica?
– Nonnaaaa, ma con chi hai parlato?
– Dopo la messa, Pascarella ha ditto jammo int’a sagrestia e vedimmo Don Procopio che ne pensa. Don Procopio ha ditto ca nun ne voleva parlà, pecché nun ce vuleva ‘nfluenza’, però isso non ce va propio a vuta’, e ha ditto pure ca si vutava, vutava no, pecché si venceno ‘i sì, se perdono dudecemila posti ‘e fatica.
– Ma, ‘a no’, pure si se leva ‘a mmiezz’o ‘a droga, se perdono miliuni ‘e poste… E se chiudono tutti questi negozi di scommesse ca tu nun suppuorte, ate ca’ dudecemila… E po’, ‘ no’, nun è vera ‘sta storia, pure pe’ smantella’ ‘e trivelle ce vo’ gente ca’ fatica e…
– No, guaglio’, è inutile che faje, je già nun vulevo ‘i ‘a vuta’…

E va be’. Difficile, con questi presupposti, raggiungere il quorum…

Epperò, mi domando e scrivo: chissà che ne penserebbe Francesco; ma no Francesco da Buenos Aires, Francesco d’Assisi, quello di “Laudato si’, mi’ Signore, per sor’aqua, la quale è multo utile et humile et pretiosa et casta.

Advertisements