Tag

Sono poco competitivo e naturalmente perdente. Se mi giro indietro non vedo mai nessuno.

Alle corse e ai concorsi arrivo sempre ultimo. É stato sempre così: sono sempre stato in fondo ad ogni elenco, lista o graduatoria e, se si faceva un sorteggio, ero l’ultimo anche al sorteggio. Quando si giocava a pallone non mi volevano mai in squadra. Ma se si trattava di giocare a tressette a perdere, accumulavo decine di punti e… perdevo.

Forse l’unica volta che sono arrivato primo in una competizione risale a quando ero ancora uno spermatozoo e vinsi la corsa per la vita.

La corsa per la vita!

Boh!?

Mi viene il dubbio che quella sera (o quel mattino… non so) gli altri spermatozoi dormissero oppure si fossero fermati a vedermi arrancare tra le cosce di mia madre. Avevano intuito che non valeva la pena affannarsi tanto per guadagnarsi uno schifo di mondo extrauterino.

Insomma, a pensarci bene, sono stato l’ultimo anche quella volta: gli altri avevano intuito la menata e mi avevano lasciato passare.
Ora sto facendo un esercizio di scrittura intitolato “Gli ultimi saranno i primi”.

Sarò l’ultimo a consegnare e primeggerò nei contenuti; ma la docente del corso ci dirà che in questo compito, come da titolo, i primi saranno gli ultimi e gli ultimi saranno i primi.