Tag

,

Muito Romântico
settantunesimo frammento
Storia triste, rosa e desolata d’amore, d’odio e di passione

____________________

– E se si è così tristi che non si ha nemmeno più voglia di uscire e sentire il rumore dei propri passi sulle scale?

– Se si è così tristi o se sei così triste?

– È la stessa cosa!

– Beh, allora fattene una ragione, guardati allo specchio e fissati negli occhi per vedere chi scoppia prima a ridere, e se non ridi né tu né l’immagine riflessa, prova a fare una smorfia o una linguaccia.

– Bravo, applausi, grazie! Ecco come sentirsi ancora più tristi e soli di prima.

– Senti, tesoro, stamattina piove anche sulla mia voglia di fare, ma non per questo me la prendo con te o con il mondo.

– Non chiamarmi tesoro. Lo sai che non lo sopporto. Mettiti tu a fare il pagliaccio allo specchio, se vuoi. La verità è che io ne ho piene le scatole. Non ti sopporto più, tu e la tua vita grigia e insulsa. E non sopporto più nemmeno me stessa che ti vivo accanto e non rido più, non esco e non canto.

– Meglio una persona grigia che una come te… rosa…, dall’invidia…

– Ma vai a fare in culo…

– E con chi?

– Con tua sorella, con tua nonna o con una puttana da quattro soldi, che quelle più care non te le puoi neanche permettere.

– E già. Per questo mi sono messo con te.

– Stronzo.

– Stronza.

(Si baciano. Si spintonano. Si cercano. Si respingono. Si abbracciano. Si mordono. Si leccano le ferite. Sipario.)

Annunci