Tag

‘Nu paese co’ pizzo bbuono e ‘i scelle rotte.
Questo siamo diventati.
Sempre pronti a mettere il becco nei piatti migliori e nelle discussioni più ardite; ma ce mancano ‘e scelle, non abbiamo ali buone per buscarci da soli il cibo e per raggiungere le fonti per abbeverarci e toglierci la sete senza intossicarci e sprofondare dalla mala vita di oggi alla vita peggiore di domani.

L’acqua che c’è intorno è scarsa, stagnante e imputridita. Ma noi ci sguazziamo dentro e continueremo a berla fino al prosciugamento totale dello stagno, del regno e del regio lagno. Come se non ci fosse un domani e come se ci importasse poco o niente di questa nuova generazione di papere edoniste e starnazzanti che stentano a mantenersi a galla mentre si imbellettano le piume e blaterano di supremazia dell’Occidente strombazzando valori e tradizioni che conoscono poco e non preservano per nulla.

‘Nu paese co’ pizzo bbuono e ‘i scelle rotte, cu poca acqua e tanti papere ca nun galleggiano ma fanno sulo qua qua qua, senza mettere ‘a capa afora e senza faticà.
‘Nu paese sprufunnato int’a lota, senza uocchie pe’ chiagnere e cosce pe’ correre o pe’ cammena’, ma cu ‘na lengua longa longa bbona sulo pe’ fa chiacchiere e p’alleccà.
‘Nu paese ca’ se sta sfascianno juorne pe’ juorne mmiezzo ‘a scemità, quaquaraquà e taluorne.

Insomma, el agua es poca y el pato no flota (además de tener el pico bueno y las alas rotas), ma s’avessa ‘mparà a galliggià o a vulà, sta papera, pecché si no nun se va annanze e cca fernesce tutto cose senza ca nasce primma ‘nu munno meglio ‘e chisto che amma scurtecato, sfrantummato e sfrarecato comme si ‘o fatto nun fosse ‘o nuosto. Ate ca storie!