Tag

,

muore un uomo, un carabiniere dagli occhi azzurri di somma vesuviana, a quattro passi da casa mia, un uomo buono, a quanto ci dicono, un uomo caritatevole dedito al suo lavoro e impegnato in attività di volontariato, muore ammazzato, accoltellato da un gruppo di nordafricani, ci dicono, e si scatena l’ira dei difensori della patria contro l’invasione nera, muore un uomo, un uomo buono, lo piangono la famiglia, gli amici, i colleghi…, muore un uomo, gli oppositori dell’orda nera ne fanno un’altra bandiera, muore un uomo, muore cento, mille, milioni di volte, muore un uomo, dicevo, gli assassini erano bianchi, americani, dell’america ricca che parla inglese, ma questo lo veniamo a sapere in un secondo momento, e si scatena il sarcasmo feroce di quelli che pensano che qualcuno stia cavalcando la paura, l’uomo buono è morto ormai, dicevo, ma sulle sue spoglie continua un conflitto incivile in cui ognuno cerca conferme per le sue idiozie, per le sue ideologie, un paese spaccato in due, dicevo, conficca le sue bandiere e si commuove a comando in faccia a quelli dell’altra parte, muore un uomo, muore ammazzato milioni, miliardi di volte, dicevo, e con lui la nostra pietà e la voglia di capire, muore un uomo, un carabiniere, lo dico, lo dicevo, ve lo avevo detto, e rimuore, quell’uomo, trafitto da mille bandiere, che con questa mia fanno mille e una