Tag

(Una mia poesiola d’occasione, scritta di getto per il contest poetico “Fresella Fest 2019”.
Modestamente, non solo non vinse tra uno sparuto gruppo di versi sciolti e in rima, ma non meritò nemmeno una menzione o un secondo posto…
Ah, il Che del titolo è nientemeno che Ernesto Guevara da cui rubo la chiusa e il concetto che ispira tutta la composizione, versicolo per versicolo.)


(Versione in dialetto frattese)

‘Amma essere tuoste,
tuoste comm’a
‘na tavole ‘i ponte
ca’ supporta ‘o peso
‘e ciente fravecature
e mille passe.
‘Amma essere tuoste
tuoste comm’o fierre,
‘a ‘uerra e ‘o sgarro.

‘Amma essere tuoste,
ma ‘o mumento bbuone
c’avimme sape’ ammulla’
comme ‘a ‘na fresella
ca sott’all’acqua
se fa bbona
p’ogni diente
e cu nu file d’uoglie
e doje pummarole rosse
te fa arrecreja’ a vocca,
‘o zezzenielle e l’ossere.

Amma essere tuoste,
ma nun ‘amma maje
perdere ‘a priezza,
‘o zucchero, ‘o sale
e ‘i tenerezze
‘e ‘na fresella
ca’ s’ammolla sott’all’acqua
e se squaglie ‘mmocca
pe’ te purta’ int’o mare
‘i l’alleria e de culure!

“Bisogna essere duri
senza perdere la tenerezza.”


(Versione in lingua nazionale)

Dobbiamo essere duri,
duri come
una tavola di ponte
che sopporta il peso
di cento lavoratori
e mille passi.
Dobbiamo essere duri,
duri come il ferro,
la guerra e lo sgarro.

Dobbiamo essere duri,
ma al momento buono
ci dobbiamo sapere
ammorbidire
come una fresella
che sotto l’acqua
si fa buona
per ogni dente
e con un filo d’olio
e due pomodori rossi
ti fa rinverdire la bocca,
l’ugola e le ossa.

Dobbiamo essere duri,
ma non dobbiamo mai
perdere l’allegria,
lo zucchero, il sale
e la tenerezza
di una fresella
che s’ammorbidisce
sotto l’acqua
e si scioglie in bocca
per portarti in un mare
di gioia e di colori!

Hay que endurecerse
sin perder jamás la ternura


HASTA SIEMPRE