Tag

,

Mediamente, l’italiano legge poco e quando legge non sa cosa legge.
Mediamente, tra Cristo e Barabba l’italiano sceglie il fuorilegge.
Mediamente, l’italiano da solo non sta in piedi e non si regge.
Mediamente, parla di diritto e diritti, l’italiano, ma non sa cosa è legge.
Mediamente, l’italiano si presenta alle elezioni senza sapere chi elegge.
Mediamente, l’italiano è gregge e cerca il cane o il pastore che lo protegge.

Mediamente, da italiano, penso di fare critica, ma faccio solo scorregge.

(E prima che qualcuno mi corregga
mi strugga e mi affligga
e prima che altri mi tormenti o m’opprima,
rimarco che ho ignorato il congiuntivo
in modo coattivo e per forza di rima.
Aggiungo, altresì, che io l’Italia la amo, la coltivo e l’adoro
ma preferisco stonare da solo che starnazzare in coro.
(E se proprio debbo cantare
con altri cerco in loro
almeno un minimo di impegno
e decoro nel lavoro,
nel ristoro e nel dopolavoro.))