Tag

Stonghe je sulo.

Je sulo
‘ncopp’a
‘na scesa
ca pare
‘na sagliuta.

Sulo comm’a
‘na foglia caduta.

Sulo, sulo,
sulo, comm’a
‘nu cane sulo,
azzannanne
l’urdeme ossere
‘e ‘na vita sulitaria.

Stonghe
je sulo.

Sulo, sulo,
sulo e acciaccato
pure mmiezz’all’ate.

Stonghe
je sulo,
je sulo,
e sulo ‘o sole
me po’ sulleva’
‘a ‘sta vita
salata
sulata
e sulitaria.

Stonghe
je sulo,
je sulo,
e sulo ‘o mare
me po’ dà
chello
c’aggia perzo

e nun saccio
cchiu’
truva’.



Versione in lingua nazionale

Sto io solo

Io solo
lungo
una china
che sembra
una salita.

Solo come
una foglia caduta.

Solo, solo,
solo, come
un cane solo,
azzannando
l’ultimo osso
di una vita solitaria.

Sto
io solo.

Solo, solo,
solo e malmenato
anche tra gli altri.

Sto
io solo,
io solo,
e solo il sole
mi può sollevare
da questa vita
salata
ingannata
e solitaria.

Sto
io solo,
io solo,
e solo il mare
mi può dare
quello
che ho perso

e non so
più
trovare.