Tag

,

Tra qualche ora, insieme con Olga Di Bello, Claudio Maiello e Pina Vergara, presenterò questo libro autoprodotto per i soci dell’Associazione ex allievi del Liceo Durante di Frattamaggiore e per gli autori del gruppo Libri e Libracci.

La lochéscion
Presenteremo il libro negli splendidi Giardini di Leonzio Landolfo a Grumo Nevano.

Il titolo 
Tessaráconta, dal greco antico, è il numero di questa pandemia da giocare su tutte le ruote. Tessaráconta vale 40, 40 come i giorni della quarantena, i giorni dei viaggi intorno alla nostra camera e dentro di noi. 40 come la “paposcia” della cabala napoletana, la “uallera” che ci siamo fatti al chiuso delle nostre case cercando contatti attraversi gli schermi dei nostri telefonini. E 40 e più sono i componimenti raccolti in queste pagine scritte nell’epoca della pandemia, 40 o 400mila parole che riecheggiano dalle nostre mura di protezione.
Quaranta, tessaráconta, come i giorni del diluvio universale e quelli della quaresima. 40 come i ladroni di Alì Babà e le carte napoletane. 40 come quattro volte i giorni del Decamerone, solo che qui le storie non nascono fuori dalla città appestata, ma da dentro le nostre case connesse a una rete che ci unisce e ci separa.

Il contenuto
“Agli inizi di aprile, l’Italia era chiusa in quarantena e un po’ tutti  cercavamo un modo per evadere da una situazione assurda, spaventosa per diversi motivi e assolutamente fuori dal nostro controllo.
Ognuno ha cercato, e qualcuno fortunatamente trovato, modi personalissimi per non impazzire: fare il pane, piantare un giardino inglese, spostare e ridipingere i mobili della casa. Qualcun altro s’è inventato questa raccolta qua.
Grazie all’audacia, la tenacia e la passione dell’irrefrenabile Professoressa Teresa Maiello,  più di quaranta componimenti, tra haiku, poesie e racconti, prodotti da ex alunni e non del Liceo Classico Francesco Durante, abbracciando diverse generazioni, stili e prospettive per una raccolta di storie e pensieri che viene dal virus e innanzitutto dal cuore.”
Dall’introduzione di Olga Di Bello.

La presentazione
Presenteremo questa raccolta di prosa e versi combattendo contro il fischio di inizio della partita Italia-Belgio e cercando di non fare troppo la “uallera” ai gentili avventori. Sperando che vorranno mettersi in gioco e non solo davanti agli schermi.

Il dopo partita
Dopo la partita, Leonzio, anfitrione della serata, presenterà una sua raccolta di poesie dialettali con il giornalista Giuseppe Maiello.
Tra un evento e l’altro, musica, canzoni e libagioni.