Tag

, , ,

Versione rivista, tradotta e corretta

Siente, siente,
Vesu’, statte quieto,
nun ce da’ suddisfazione
a ‘sti quatte capriciune
c’a cape sciacqua,
‘o core ‘e preta
e ‘a vocca
‘mpestata
‘e merda
e acite.

Siente, siente,
Vesu’, statte sode,
nun fa cuntente a chesti lote!

Siente,
siente, Vesu’,
statte stutate,
nun vutta’
‘ncoppa ‘o cuotto
l’acqua vulluta.

Sienteme, siente Vesu’,
fallo pe’ l’aneme do Priatorio
e pa’ mamma ‘e Gesu’;
fallo pe’ Allah e pe’ Visnù;
fallo pe’ chi t’è muorte,
pe’ chi t’è vive,
pe’ Santa Barbara
e p’Esaù.

Siente, siente Vesu’,
fallo pa’ barba ‘e Mosè,
pe’ Giosuè,
pe’ Sant’Antonio,
pe’ Sant’Anna
e pe’ Grisù.

Sienteme, siente Vesu’,
fallo po’ babba’, pe’ sfugliatelle,
pe’ ‘sti femmene belle e po’ rau’.

Sienteme, siente Vesu’,
fallo pe’ Maradona,
pe’ chistu mare,
pe’ chistu cielo,
pe’ San Gennaro,
e pe’ chi vuo’ tu.

Ma duorme, duorme;
fatte nu bello suonno
e nun ne parlamme cchiu’,
fino a che ‘o munno
nun se ne cade
e te ne cade
pure tu.





Versione in lingua nazionale


Ascolta, ascoltami
Vesuvio, stattene quieto,
non dare soddisfazione
a questi quattro cazzoni
con la testa vuota
il cuore di pietra
e la bocca
appestata
di merda
e di aceto.

Ascolta, ascoltami
Vesuvio, statti fermo,
non fare contenta
questa mala melma!

Ascolta,
ascoltami Vesuvio,
stattene spento,
non buttare
sul cotto
l’acqua bollita.

Ascoltami,
ascolta, Vesu’,
fallo per l’anima del Purgatorio
e per la mamma di Gesù;
fallo per Allah e per Visnù;
fallo per chi ti è morto,
per chi ti è vivo,
per Santa Barbara
e per Esaù.

Ascolta, ascolta Vesuvio,
fallo per la barba di Mosè,
per Giosuè,
per Sant’Antonio,
per Sant’Anna
e per Grisù.

Ascoltami, ascolta Vesuvio,
fallo per il babbà, per le sfogliatelle,
per le femmine belle e per il ragù.

Ascoltami, ascolta Vesuvio,
fallo per Maradona,
per questo mare,
per questo cielo,
per San Gennaro,
e per chi vuoi tu.

Ma dormi, dormi;
fatti un bel sonno
e non ne parliamo più,
fino a che il mondo
non se ne cada
e te ne cadi
pure tu.