Tag

,

Rivoluzioni e disillusioni

Con la prima rivoluzione industriale i treni a vapore sostituirono i cavalli.

Con la seconda, le macchine tolsero agli uomini il lavoro, il pane fatto in casa ed i calli.

Con la terza (quella magnifica, progressiva e globale), il resto degli u-mani del fronte occidentale fu sostituito dal basso costo dei pakistani, degli indiani e dei musi gialli.

Oggi, un algoritmo sostituisce pure i colletti bianchi, i guardiani della soglia, i valvassori e i vassalli,

Mentre ad ogni sovvertimento continuano ad arricchirsi pescecani, porci senza ali e sciacalli.


Domani imperverserà il metaverso, ma il risultato non sarà per nulla diverso: per chi ha cibo scarso pure il prossimo sommovimento si farà avverso, menzognero e perverso.

Verranno a sfruttarci fin dentro le nostre case, verranno a stanarci fin dentro le nostre teste, e non avrà più limiti o confini l’invasione delle nostre vite, l’erosione del nostro tempo.