Tag

, , , ,

You can take the monkey out of the jungle, but you can’t take the jungle out of the monkey.

“Puoi portare via la scimmia dalla giungla, ma non puoi portare via la giungla dalla scimmia.”

È un proverbio bellissimo che, da quello che vedo nella rete, viene spesso usato con intenti razzisti nell’area WASP degli Stati Uniti, quella dei bianchi, anglosassoni e protestanti che votano Trump e hanno nostalgia degli schiavi piegati nelle piantagioni e inceneriti nei roghi del Ku Klux Klan.

A me, invece, questo concentrato di saggezza popolare fa pensare a un legame forte con le proprie origini, un discorso sacro di “roots“, di radici… Leggendolo mi viene da ripensare all’impossibilità di cancellare i profumi, i panorami, le favole, i suoni e i sapori della nostra infanzia; i luoghi della memoria che continuano ad abitarci per sempre, ovunque ci porti il cammino della nostra vita.

You can take the man out of the place, but you can’t take the place out of the man.

Un uomo, qualunque uomo, può essere allontanato o può andarsene di sua volontà dai luoghi della sua infanzia, ma quei luoghi non possono essere allontanati da lui in nessun modo.

’A canzone ’e Napule
(versi di Libero Bovio,
musica di Ernesto De Curtis)

Me ne voglio i’ all’America
ca sta’ luntano assaie.
Me ne voglio i’ addò maje
te pozzo ‘ncuntrà cchiù.

Me voglio scurdà ’o cielo,
tutt’e canzone, ’o mare,
me voglio scurdà ’e Napule,
me voglio scurdà ’e mammema,
me voglio scurdà ’e te.

Nun voglio cchiù nutizie
d’amice e d’e pariente…
Nun voglio sapè niente
’e chello ca se fa!…

Ma quanto è bella Napule!…
Stanotte è bella assaie!..
Nu l’aggio vista maje
cchiù bella ’e comme a mò!..

Comme mme scordo ’o cielo?
Tutt’e canzone e ‘o mare?
Comme mme scordo ’e Napule?
Comme mme scordo ’e mammema?!
Comme mme scordo ’e te?!

You can take a Neapolitan out of Naples, but you can’t take Naples out of a Neapolitan.

Se po’ purta’ nu napulitane luntane ‘a Napule, ma nun se po’ purtà Napule luntane a ‘nu napulitane.

Soprattutto, quando si fa sera.
Perché lo dice pure “Santa Lucia luntana” che

Se gira ‘o munno sano,
se va a cercá furtuna…
ma, quanno sponta ‘a luna,
luntano ‘a Napule
nun se pò stá!

E so’ lacreme, lacreme napulitane

Qui cercavo una bellissima sequenza di Catene di Raffaello Matarazzo, un filmone melodrammatico del 1949 in cui Roberto Murolo fa la parte di un emigrante ben intonato che canta Lacrime Napulitane su un bastimento diretto in America; ma, incredibile dictu, non l’ho trovata in rete. O meglio, su YouTube c’è il film intero, ma non avevo voglia di guardarmelo tutto per cercare quel paio di indimenticabili minuti di un video che, uno di questi giorni, mi piacerebbe montare con scene dei barconi del Mediterraneo zeppe di immigrati neri o molto abbronzati.

Infatti, immagino che questa profonda malinconia pervada anche le notti e i giorni di un magrebino, di un nigeriano, di un polacco, di un argentino, di un siriano, di un moldavo o di chiunque altro sia costretto a vivere lontano dalla sua terra…
Immagino che qualunque immigrato porti dentro di sé la geografia dei luoghi in cui è nato.
Immagino che anche un nomade abbia impressi nella sua memoria e in cuor suo il finestrino di una roulotte o di un treno, il panorama mutevole che correva in direzione contraria al suo sguardo e la voce di sua madre, di suo padre o dei suoi fratelli.

Очи чёрные, очи пламенны
и мaнят они в страны дальные,
где царит любовь, где царит покой,
где страданья нет, где вражды запрет.

Occhi neri, occhi fiammanti,
mi attirano verso terre lontane,
dove regna l’amore, dove regna la pace,
dove non c’è sofferenza, dove la guerra è bandita.

Forse ci separiamo tutti dalla nostra infanzia, ma è la giungla della nostra infanzia che non si separa mai da noi.

Annunci