Maleducati fuori tempo e senza sintonia

Tag

Si può vivere senza musica, senza gioia, senza amore e senza filosofia. Ma mica tanto bene.

(Vladimir Jankélévitch, filosofo e pianista francese di origini ebraiche, 1903–1985)

E’ un grave errore formativo e un grande problema sociale il fatto che in Italia si insegni così poco a fare musica.
La musica mette in moto la mente e il corpo e contribuisce a uno sviluppo armonico della persona. La musica fa migliorare l’intelligenza, la memoria, l’abilità manuale e la sensibilità delle nuove generazioni.

La musica aiuta a capire che non ci sono confini, non ci sono frontiere, non ci sono limiti; ma se vuoi suonare insieme con gli altri ci sono regole, regole che puoi pure cambiare strada facendo, ma devi prima condividerle con i tuoi compagni; devi essere capace di creare con loro un giusto interplay, una buona interazione fatta di autentico scambio reciproco e di sincera apertura verso gli altri. Devi essere capace di ascoltare cosa ha da dire il tuo compagno di banda, di gruppo, di coro o di orchestra; importa poco da dove venga o quale sia il suo colore, la sua ideologia, il suo credo o la sua religione. L’importante è che ognuno vada a tempo, o segua un tempo che sappia creare la giusta poliritmia intrecciandosi col tempo degli altri; l’importante è non stonare o imparare a fare in modo che la nota che segue giustifichi e faccia diventare bella anche la nota che sembrava fuori tonalità o fuori tempo; l’importante è apprendere la tecnica dello strumento fino a dimenticarsene; l’importante è ascoltare i grandi, ma non ripeterli. Poi devi imparare a interiorizzarle tutte queste regole, farle tue e suonare, suonare, suonare, dimenticando tutto il resto, come se la tua esecuzione possa salvare la dissoluzione del mondo. E forse la sta già salvando.

Le Gocce di Eraclito – Piccolo Spot sul Cambiamento

Tag

, ,

In fondo, ognuno di noi è ciò che fa per cambiarsi, per diventare altro.

Siamo la pioggia che scorre sulla nostra pelle e il modo in cui ce la lasciamo cadere addosso o ci proteggiamo dalle gocce.

Somos las gotas del río de Heráclito.

Siamo l’attimo in cui viviamo e quello che vivremo l’attimo dopo.

Somos lo que hacemos para cambiar lo que somos.

Siamo quello che facciamo per cambiare quello che siamo.

L’identità non è un pezzo da museo esposto tutto tranquillo in vetrina, ma la straordinaria sintesi delle nostre contraddizioni di ogni giorno.

Senza contrari non c’è vita, non c’è continuazione e si perdono i contorni del senso.

Quando lottiamo per cambiare il mondo, dimentichiamo che siamo parte del mondo che vogliamo cambiare, ed è proprio da noi stessi che dovremmo cominciare.

Papere dal becco buono e le ali rotte che starnazzano e si dimenano in acque stagnanti e imputridite

Tag

‘Nu paese co’ pizzo bbuono e ‘i scelle rotte.
Questo siamo diventati.
Sempre pronti a mettere il becco nei piatti migliori e nelle discussioni più ardite; ma ce mancano ‘e scelle, non abbiamo ali buone per buscarci da soli il cibo e per raggiungere le fonti per abbeverarci e toglierci la sete senza intossicarci e sprofondare dal Guatemala al Guatepeggiore.
L’acqua che c’è intorno è scarsa, stagnante e imputridita. Ma noi ci sguazziamo dentro e continueremo a berla fino al prosciugamento totale dello stagno, del regno e del regio lagno. Come se non ci fosse un domani e come se ci importasse poco o niente di questa nuova generazione di papere edoniste e starnazzanti che stentano a mantenersi a galla mentre si imbellettano le piume e parlano di guerra, valori e tradizioni occidentali che conoscono poco e non preservano per nulla.

Insomma, el agua es poca y el pato no flota (además de tener el pico bueno y las alas rotas), ma s’avessa ‘mparà a galliggià o a vulà, sta papera, pecché si no nun se va annanze e cca fernesce tutto cose senza ca nasce primma ‘nu munno meglio ‘e chisto ca fino ‘a mo amma scurtecato, sfrantummato, sfrarecato e visto, comme si ‘o fatto nun fosse ‘o nuosto. ‘Ate ca storie!

International Jazz Day (gioco di musica e parole)

Tag

  • “Quando la gente comincia a credere nei limiti, ne diventa parte integrante.”
  • “Se sei sincero, puoi suonare un laccio della tua scarpa.”
  • “Chiunque può rendere complicato quello che è semplice. La creatività consiste nel rendere semplice quello che è complicato.”
  • “La cosa più importante che cerco in un musicista è la sua capacità di ascoltare.”
  • “Padroneggia il tuo strumento. Padroneggia la musica. E poi dimentica tutte queste cazzate e mettiti a suonare.”

Scopri a chi si attribuiscono queste citazioni e leggile in lingua originale (senza i limiti della mia traduzione), seguendo questo link a un’altra pagina di aitanblog.

 

A big Mess – Scelte difficili in acque torbide

Tag

, , , ,

C’è molta confusione in giro. È difficile scegliere e quasi impossibile discernere. Una coltre di fumo opacizza ogni cosa e quelli che dovrebbero aiutarci a capire contribuiscono a intorbidirci la realtà con vagonate di acque fognarie che salgono ogni giorno di livello e ormai lambiscono le nostre labbra e ci rendono difficile aprire la bocca per respirare o per parlare.

Io, per esempio, mi chiedo se siano più deleterie e socialmente dannose le organizzazioni non governative che lucrano sulla pelle degli immigrati o i politici leghisti e pentastellati che vanno a caccia di consensi e di voti, facendo leva sulla paura per gli immigrati.

E poi vorrei anche riuscire a stabilire
– se sia peggio Donald-(Duck)-Trump o Kim-(facciadapirla)-Jŏng-ŭn
– se sia più forte Tarzan o Sandokan
– se sia più attendibile Robertosaviano o Luigidimaio
– se (al netto delle loro capacità distruttive) siano stati più sanguinari Erode o Attila, Gengis Khan o Hitler, Stalin o Nixon, Franco o Mussolini
– se sia meglio il centrosinistra che guarda a destra o il centrodestra che guarda a sinistra
– se sia peggio la Pepsi o la Coca Cola
– se siano più mortali l’alcol o l’eroina; il tabacco o la cocaina; lo zucchero o il sale fino
– se sia più giusto andare in bici e finire sotto una macchina o andare in macchina e rischiare di mettere sotto un pedone, un ciclista o l’autista di un furgone
– se sia preferibile incorrere negli effetti collaterali delle vaccinazioni o rischiare che da grandi non si possa neanche dire “scelgo da solo, sono adulto e vaccinato”
– se sia peggio più Europa, più Russia, più Cina o più Stati Uniti
– se sia meglio il lavoro nero, il lavoro sottopagato o il lavoro nero sottopagato ma legalizzato da voucher e creste dello Stato
– se siano più nefaste le mafie, le camorre, le ndranghete, le banche o le burocrazie
– se, automatizzando e digitalizzando i processi di produzione, ci libereremo dalla fatica o se perderemo il diritto al lavoro e il lavoro
– se siano più ragionevoli i borbonici, i neoborbonici, i savoiardi o i garibaldini
– se risulti più buona e giusta per i singoli cittadini del pianeta e per il pianeta intero una dieta vegetariana, vegana, onnivara, carnivora, cannibale o mediterranea
– se sia di maggior beneficio chiudersi in un fottuto guscio o aprirsi alle eventualità e ai rischi dell’altro da sé
– se per lo Stato e per i singoli cittadini sia auspicabile un incremento di autonomia e indipendenza o maggiore unità e partecipazione
– se sia più opportuno cavalcare il cambiamento o difendersi da ogni mutazione
– se sia meglio la canna al gas o un colpo alle tempie; un salto nel vuoto o un overdose di coca, zuccheri, sale o eroina.

C’è molta confusione in giro. E in molti rischiamo di dibatterci tra le antinomie e di scegliere di non scegliere.
C’è una coltre di fumo che opacizza ogni cosa e in tanti restiamo immobili a guardare il livello crescente delle acque marroni; e resteremo là finché i liquidi pestilenti non arriveranno all’altezza degli occhi impedendoci pure di vedere e di sentire.

A G.F., ai suoi amici e ai suoi cari

Tag

Che l’asfalto scuro
non rubi più
nessuno di voi alla vita!
Che nessuna madre
e nessun padre
debba più vedere
il sorriso del proprio figlio
stampato su una lapide gelida.
Che nessun banco vuoto
debba per sempre aspettare
le arguzie, i guizzi,
i lazzi e gli sberleffi
di un ragazzo
che non calpestarà più
il pavimento
di quest’aula
e di questi corridoi.

Se credete che prima o poi
siamo tutti destinati a cadere,
fottetelo, il fottuto destino,
e arrivateci corazzati
all’impatto col suolo.
Prima che sia troppo tardi
scappate sui vostri piedi
lontano da questa pece
indurita dalle lacrime
e dal sole.

Non voglio e non posso
crederlo che
la terribile caduta
di quel corpo
pieno di vita
sia la messa in atto
di un copione già scritto.
Io credo che siamo
fatti per morire vecchi,
quando i rimpianti
sono più dei desideri.

Io non ci voglio credere
che il maledetto destino
potrebbe prendersene
un altro
da un momento all’altro.
Ora stesso.

Io credo che siamo destinati
a morire vecchi,
quando ancora
non riesci ad accettarlo
che possa finire tutto
da un momento all’altro,
ancora così giovani, forti
e pieni di vita.
Ancora così giovani e
pieni di attesa
di nuove gioie
e promesse
infinite.