Scustumatamente

Tag

, ,

A vote lu corpo
vole esse scustumato
e fare cose che le fanno male
assecondo de quanno le diceno
li prufessure, li ditte antiche e l’enfermere.

A vote lu corpo
se sente tutto scurnacchiate
e magne suffritto cu vino russo a pale,
zuppe ‘e cozze,
alici ‘nturtiera e purpe alla luciana,
puparuole, pupaccelle, panzarotte,
freselle e samurchie
fatte ‘e sangue ‘o vero
ca sulo a lu pensà
te siente fremmere
da capo ‘o pere.

A vote lu corpo
se vo sentì tutto scuncecato:
primma vo’ ‘na cosa e po’ ne vo’ n’ate:
fravule, cerase,
pesche affugate,
struffole, pastiere
e aulive ‘mbuttunate,
vongole, taratufe,
taralle doce e ‘mpepate,
pasta crisciuta,
sfugliatelle ricce e frolle,
mustacciuole, fasule,
cicere e spogne affumecate
e vullute int’a ‘na cavurare nera nera
ca sulo o Pataterno ‘o sape e ‘a Maronna ‘o vere.

Tutta rrobba bbona, bella e tosta,
nun ce ne fotte ‘e quanno vene e costa,
‘a vo’
e ‘a vo’ tutta ‘nquacchiata ‘e ‘nzogna,
uoglie e vino
pe’ se scurda’ ‘a serpe
che tene ‘ncapa e ‘nsino.
Va bbuo’ se face tarde,
facimmela fernuta!

‘Sta capa cu ‘sta carna scustumate
vo primma ‘na cosa e po’ ne vo n’ate:
braciole affunnate int’o a raù,
vino ‘a vevere quanno ne vuo’ tu,
sasicce int ‘e friarielle arravugliate,
menesta ammaretate,
carcioffole arrustute,
castagne,
franchelicche e roccocò.

E po’,
e po’ sulo a tte
te vo’ e te vo’,
‘a coppa, ‘a sotta,
annanze, arete,
addo’ t’astrigne,
t’allumma,
l’abbaglie
e se fa
preta,
fino a che
passa
‘a famme
e pure ‘a sete.

 

I Funerali di Frungillo

Tag

I professori della tradizione popolare non sanno, dimenticano o fingono di non sapere che la maggior parte delle tradizioni sedicenti popolari nascono da vere e proprie invenzioni pseudopopolari o dall’incrocio di contaminazioni di cui si è persa l’origine e dimenticata la fonte.
Tutto quello che è veramente popolare e (in coincidenza) tutto ciò che è gradito alle classi subalterne (ed anche quello che è grato alle classi dominanti, in fondo) è soggetto a cambiamenti continui. I gusti cambiano e il bello di oggi sarà il ridicolo di domani (per dare concretezza a questo concetto, basta andare a ripesacre un foto di 30-40 anni fa ed osservare come vestivamo o come eravamo pettinati tra gli anni ’70 e gli anni ’90…). Certo esistono anche i ricorsi e i riflussi, ma anche questi recuperi della tradizione non saranno mai gli stessi dei flussi e dei corsi che scorrevano nelle vene della realtà del passato (in gergo critico potremmo parlare di “manierismi”). E se anche potessero darsi nella realtà ricorsi identici ai corsi trascorsi, questi ri-corsi sarebbero comunque cambiati dalla diversità, dalla varietà e dalla novità del contesto in cui si andrebbero a innestare.

Il tipico argomento dei tradizionalisti: “Non si può cambiare perché si fa così da tanto tempo”, si dovrebbe cambiare PROPRIO PERCHÉ si fa così da tanto tempo.

Sono cose note dai tempi della morte di zi’ Frungillo, quanno veneve ‘o pruffessore e diceva ca sapeva tutto isso ma… ‘a musica nun era bbona e nun sapeva suna’.
E, a pensarci bene, siamo tanti i professori che parlano e sparlano al funerale di zi’ Frungillo (che non esiste ed è tutta una invenzione pseudopopolare pure lui), ma sono in pochi a riuscire a far ballare la folla senza manco “uscire per televisione” o avere alle spalle una major che li spinge e li supporta.

Poi, è chiaro, esistono Bach, Charles Mingus e John Coltrane, ma questa è un’altra storia…

 

 

___________________________

Senza essere stato chiamato in causa da nessuno, mi sono inserito con questo textículo in una polemica che sta scoppiando in rete tra Daniele Sepe e uno zampognaro fondamentalista di cui non ricordo il nome.

(Incredibile a dirsi, la causa scatenante di questa colta polemica è la simpatica hit estiva di Enzo Savastano “Amico zampognaro”. Ascoltatela!)

 

Maleducati fuori tempo e senza sintonia

Tag

Si può vivere senza musica, senza gioia, senza amore e senza filosofia. Ma mica tanto bene.

(Vladimir Jankélévitch, filosofo e pianista francese di origini ebraiche, 1903–1985)

E’ un grave errore formativo e un grande problema sociale il fatto che in Italia si insegni così poco a fare musica.
La musica mette in moto la mente e il corpo e contribuisce a uno sviluppo armonico della persona. La musica fa migliorare l’intelligenza, la memoria, l’abilità manuale e la sensibilità delle nuove generazioni.

La musica aiuta a capire che non ci sono confini, non ci sono frontiere, non ci sono limiti; ma se vuoi suonare insieme con gli altri ci sono regole, regole che puoi pure cambiare strada facendo, ma devi prima condividerle con i tuoi compagni; devi essere capace di creare con loro un giusto interplay, una buona interazione fatta di autentico scambio reciproco e di sincera apertura verso gli altri. Devi essere capace di ascoltare cosa ha da dire il tuo compagno di banda, di gruppo, di coro o di orchestra; importa poco da dove venga o quale sia il suo colore, la sua ideologia, il suo credo o la sua religione. L’importante è che ognuno vada a tempo, o segua un tempo che sappia creare la giusta poliritmia intrecciandosi col tempo degli altri; l’importante è non stonare o imparare a fare in modo che la nota che segue giustifichi e faccia diventare bella anche la nota che sembrava fuori tonalità o fuori tempo; l’importante è apprendere la tecnica dello strumento fino a dimenticarsene; l’importante è ascoltare i grandi, ma non ripeterli. Poi devi imparare a interiorizzarle tutte queste regole, farle tue e suonare, suonare, suonare, dimenticando tutto il resto, come se la tua esecuzione possa salvare la dissoluzione del mondo. E forse la sta già salvando.

Le Gocce di Eraclito – Piccolo Spot sul Cambiamento

Tag

, ,

In fondo, ognuno di noi è ciò che fa per cambiarsi, per diventare altro.

Siamo la pioggia che scorre sulla nostra pelle e il modo in cui ce la lasciamo cadere addosso o ci proteggiamo dalle gocce.

Somos las gotas del río de Heráclito.

Siamo l’attimo in cui viviamo e quello che vivremo l’attimo dopo.

Somos lo que hacemos para cambiar lo que somos.

Siamo quello che facciamo per cambiare quello che siamo.

L’identità non è un pezzo da museo esposto tutto tranquillo in vetrina, ma la straordinaria sintesi delle nostre contraddizioni di ogni giorno.

Senza contrari non c’è vita, non c’è continuazione e si perdono i contorni del senso.

Quando lottiamo per cambiare il mondo, dimentichiamo che siamo parte del mondo che vogliamo cambiare, ed è proprio da noi stessi che dovremmo cominciare.

Papere dal becco buono e le ali rotte che starnazzano e si dimenano in acque stagnanti e imputridite

Tag

‘Nu paese co’ pizzo bbuono e ‘i scelle rotte.
Questo siamo diventati.
Sempre pronti a mettere il becco nei piatti migliori e nelle discussioni più ardite; ma ce mancano ‘e scelle, non abbiamo ali buone per buscarci da soli il cibo e per raggiungere le fonti per abbeverarci e toglierci la sete senza intossicarci e sprofondare dal Guatemala al Guatepeggiore.
L’acqua che c’è intorno è scarsa, stagnante e imputridita. Ma noi ci sguazziamo dentro e continueremo a berla fino al prosciugamento totale dello stagno, del regno e del regio lagno. Come se non ci fosse un domani e come se ci importasse poco o niente di questa nuova generazione di papere edoniste e starnazzanti che stentano a mantenersi a galla mentre si imbellettano le piume e parlano di guerra, valori e tradizioni occidentali che conoscono poco e non preservano per nulla.

Insomma, el agua es poca y el pato no flota (además de tener el pico bueno y las alas rotas), ma s’avessa ‘mparà a galliggià o a vulà, sta papera, pecché si no nun se va annanze e cca fernesce tutto cose senza ca nasce primma ‘nu munno meglio ‘e chisto ca fino ‘a mo amma scurtecato, sfrantummato, sfrarecato e visto, comme si ‘o fatto nun fosse ‘o nuosto. ‘Ate ca storie!